Pagine

domenica 10 marzo 2013

Storia di un pouf che diventa poltrona e che diventa un divano...

Buongiorno!!!
Oggi vi parlo del progetto più lungo che io abbia mai realizzato.
Questo è un divano fatto solo con bottiglie di plastica vuote e impilate tra di loro:


Vi racconto bene come tutto ha continuato a trasformarsi in un anno.
Circa un anno fà ho incominciato a mettere da parte i vuoti delle bottiglie dell'acqua e in circa due mesi ho realizzato un pouf...


...trovate il post con il tutorial qui...
Verso la fine di agosto però, avendo accumulato ancora tantissime bottiglie vuote ho pensato che una poltrona sarebbe stata molto più comoda di un piccolo pouf e allora ...voilà!


... tutorial qui...
ma un mesetto fà mentre assemblavo la seconda poltrona, ho pensato che se le avessi unite sarebbe uscito fuori un bel divano da tenere fuori in terrazza o da mettere sul prato e così ho fatto! Troppo comodo :)))



In questi dodici mesi di tentativi ho corretto degli errori che vorrei farvi evitare se un giorno vorrete cimentarvi in questa impresa:
1. Non usate scotch trasparente da pacchi per unire le bottiglie, con il tempo ingiallisce e si stacca;
2. Non usate nemmeno lo scotch carta, non regge;
3. Quando assemblate i vari componenti delle poltrone o divani, non mettete a contatto con il pavimento/prato le bottiglie tagliate a metà, perchè si riempiono d'acqua che poi stagna, fate in modo che giù capitino le bottiglie intere.
4. Per unire tutti i moduli usate della pellicola trasparente alimentare, meglio se trovate quella da imballaggio industriale, non ingiallisce, è resistente e asseconda bene le forme del divano.


Ciao!!! Alla prossima...

1 commento:

  1. pazzesco...
    Davvero!
    Sei un genio. Ecco, io l'acqua la prendo dalle "Casette dell'acqua" (solo perchè mi piace berla frizzante) e riempio dei bottiglioni di vetro. Quindi non riuscirò mai a realizzare nemmeno il pouf, però ti pinno perchè meirta di essere ammirato questo progetto!

    RispondiElimina